Tradurre da spagnolo ad italiano e da italiano a spagnolo: cosa cambia?

Per poter rispondere a questa domanda bisogna innanzitutto chiedersi che cosa significa tradurre e cosa sia una traduzione.

Cosa significa tradurre

Se consideriamo il tradurre semplicemente come l’esprimere in una lingua ciò che è stato scritto in un’altra, o la sostituzione di un materiale testuale di una lingua nel materiale testuale equivalente di un’altra, diamo una definizione troppo generale dell’atto traduttivo tralasciando elementi che sono parte integrante dello stesso. Nella traduzione non entrano in gioco solo gli aspetti linguistici, ma anche gli aspetti extralinguistici, come ad esempio la cultura del popolo che parla la lingua che si traduce. Quindi il traduttore deve avere la consapevolezza della propria lingua e di quella che traduce a livello linguistico e culturale poiché, come afferma Hurtado Albir, si traduce affinché un lettore che non comprende la lingua, e a volte neppure la cultura della lingua in cui è redatto il testo in questione, vi abbia accesso.

Pertanto, la funzione sociale dell’atto traduttivo è di particolare importanza, poiché la traduzione viene realizzata in un determinato contesto sociale e per uno scopo determinato, che è quello di mettere in comunicazione i membri di comunità linguistiche e culturali diverse.

Per quanto riguarda la traduzione dall’italiano allo spagnolo e viceversa, paradossalmente ci troviamo di fronte a un’ulteriore difficoltà dovuta alla somiglianza tra le due lingue e anche tra le due culture, in quanto derivano da un ceppo comune.

La difficoltà nella traduzione di due lingue così affini quali lo spagnolo e l’italiano si possono incontrare nell’uso dei tempi verbali, nella costruzione della frase, nell’uso del congiuntivo nelle subordinate, nelle preposizioni. Ma il problema più grosso si pone a livello di “falsi amici” o “false affinità” ovvero lemmi o frasi che, pur presentando una notevole somiglianza morfologica e/o fonetica e condividendo le radici con termini di un’altra lingua, hanno significati divergenti (https://it.wikipedia.org/wiki/Falso_amico). Riconoscere i “falsi amici” tra due lingue neolatine è molto più difficile che tra lingue con radici linguistiche diverse.

Oltre al problema dei “falsi amici” e alle difficoltà di carattere linguistico, vi sono anche quelle di tipo culturale. È infatti possibile che un testo, o una parte di testo, si possa interpretare in due o più modi diversi. Oppure ci si può trovare di fronte a formule fisse di una lingua, o strutture idiomatiche, che difficilmente possono essere tradotte letteralmente.

Vi sono anche dei casi in cui, alcune locuzioni che appaiono formalmente simili, abbiano un significato diverso. Ad esempio: “legarsela al dito átatela/que se la ate al dedo” (burlarsi di qualcuno o dirgli che non si crede a ciò che dice) e de “dientes afuera” (senza sincerità) “fuori dai denti” (apertamente).

Oltre a tutto questo bisogna poi tener presente che, come ho già indicato in un articolo precedente, lo spagnolo è la terza lingua più parlata al mondo e che, anche se tutti gli ispanofoni si capiscono, tra i vari paesi in cui si parla spagnolo vi sono delle differenze a livello lessicale, grammaticale e strutturale, oltre che culturale.

La mia specializzazione come traduttore professionale è di tipo settoriale e tecnico, pertanto lo scopo della traduzione è quello di rendere in italiano in modo il più possibile chiaro e semplice il significato del testo o del processo industriale tradotto. In questo contesto, quello che a volte risulta essere una difficoltà, è soprattutto la diversità nel lessico tra i vari paesi ispanofoni.

Traduzione dallo spagnolo all’italiano

Come detto sopra, lo spagnolo viene parlato in molti paesi oltre la Spagna e pertanto il traduttore, quando traduce dallo spagnolo all’italiano, deve tener conto del paese da cui proviene il testo da tradurre. Infatti un testo sullo stesso argomento potrebbe essere trattato usando vocaboli diversi a seconda del paese di provenienza, che però indicano la stessa cosa o la stessa funzione.

Traduzione di certificati e documenti ufficiali dallo spagnolo all’italiano

Spesso i documenti ufficiali, come certificati di nascita, penali o di altro tipo provenienti dalla Spagna e dai vari paesi del Sudamerica o comunque da paesi che usano la lingua spagnola, presentano notevoli diversità nel lessico pur restando certificati corrispondenti a quelli italiani.

Ad esempio il nostro Casellario Giudiziale in Spagna è il “Registro Central de Penados” a Cuba è il “Registro Central de Sancionados” mentre in Venezuela si parla semplicemente di “Certificado de antecedentes penales” rilasciato dal Ministero degli Interni (che tra l’altro in Venezuela ha un nome ben più lungo “Ministerio del Poder Popular para Relaciones Interiores, Justicia y Paz”).

Anche i vari ministeri, enti, uffici, dipartimenti spesso non hanno una precisa corrispondenza con quelli italiani sia per denominazione che per funzione. A volte l’unica possibilità è una traduzione letterale o lasciare il nome in spagnolo e mettere la spiegazione tra parentesi.

Traduzione tecnico-scientifica dallo spagnolo all’italiano

Nel caso di traduzione tecnica scientifica, spesso ci si trova davanti a testi scritti in uno spagnolo dove la traduzione in italiano risulta particolarmente difficoltosa per la ricerca dei termini tecnici e settoriali. La traduzione tecnica ha come fine rendere quanto più chiaro e comprensibile il testo tradotto e pertanto a volte può essere necessario un confronto col cliente per capire bene i processi industriali e la corrispondenza dei termini tecnici. Il traduttore professionale comunque è in grado svolgere il lavoro sapendo come documentarsi avendo una sufficiente esperienza per gestire le problematiche tecniche e scientifiche.

Traduzione dall’italiano allo spagnolo

Come per la traduzione dallo spagnolo all’italiano, anche nel caso di traduzione dall’italiano allo spagnolo il traduttore deve avere un’ottima conoscenza di entrambe le lingue. Inoltre deve tenere in considerazione in quale paese verrà usato il testo tradotto per poter scegliere i vocaboli più adatti e assicurare la migliore comprensione.

Traduzione di certificati e documenti ufficiali dall’italiano allo spagnolo

Nel caso di traduzione di documenti ufficiali, sarà compito del traduttore avvicinarsi per quanto possibile alla traduzione dei termini usati nel paese dove verrà usata la traduzione.

Traduzione tecnico-scientifica dallo spagnolo all’italiano

Nella traduzione tecnica, che usa un linguaggio relativamente semplice a livello grammaticale ma ha una grossa responsabilità in quanto a esattezza della traduzione, chiarezza dei termini e della descrizione dei processi, il traduttore dovrà cercare di usare i termini scientifici più diffusi o concordare con il cliente quale siano i vocaboli che preferisce usare per la traduzione dei suoi testi.

Ad esempio nei processi siderurgici, la “siviera” che contiene l’acciaio liquido, può essere chiamata “cuchara” oppure “olla”. Questo succede per innumerevoli termini, e anche se a volte sono intercambiabili, è consigliabile adottare quello più usato nel paese di ricezione della traduzione per evitare incomprensioni. Nelle traduzioni settoriali, l’uso del vocabolo corretto è di fondamentale importanza.

Se avete bisogno di una traduzione dallo spagnolo all’italiano, sono a vostra disposizione.